Ferrara Castello Estense

Ferrara: il Castello Estense come difesa dal proprio popolo

Questo splendido castello, che con la sua bellezza corona la città di Ferrara, emblema di cui i ferraresi vanno fieri, fu costruito contro gli stessi cittadini. Nel 1385 la folla, stremata dalla fame e dalla povertà insorse in massa uccidendo Tommaso da Tortona, un detestato magistrato dei Giudici dè Savi. Il popolo così galvanizzato cercò di soffocare la monarchia della famiglia d’Este, padrona di Ferrara. Nicolò II ebbe la freddezza di prendere tempo e nel contempo fece costruire un castello per difendersi dalla furia cittadina.

Il compito fu affidato all’architetto Bartolino da Novara che iniziò i lavori inglobando la Torre dei Leoni, a nord, concludendo l’edificazione in pochissimo tempo, solo due anni. Il castello ha pianta quadrata e quattro torri quadrate angolari. Possiede un fossato ancora oggi ricolmo d’acqua. Possedeva ogni tipo di innovativa tecnologia volta alla difesa, ponti levatoi e apparati difensivi moderni per l’epoca.

Come rocca difensiva era un vero e proprio modello e fu studiato e ammirato da molti architetti, tra i quali lo stesso Michelangelo. Subì fino ad oggi diversi restauri, il più importante avvenne in seguito ad un incendio nel 1554 e a un devastante terremoto nel 1570.

Nel 1476, quando il castello fu in mano a Ercole I e alla moglie Eleonora d’Aragona, fu interamente restaurato e impreziosito, da artisti del calibro di Tiziano, Raffaello, Giovanni Bellini.
Poi con Ercole II, verso la metà del ‘500, il castello si trasformò definitivamente in palazzo di corte, assimilando l’aspetto che possiamo vedere ancora oggi.

Accadde il 27 ottobre 1597 che l’ultimo erede degli Estensi, Alfonso II, morì senza figli. Avvenne il caos e Ferrara fu fortemente contesa tra il cugino Cesare e il Papa Clemente VIII che riuscì a cacciare Cesare dal castello usando come arma la minaccia della scomunica. Il castello divenne residenza di cardinali e ausiliari vaticani, ma nulla di più, mai conoscerà in futuro lo splendore e l’importanza che conobbe con gli estensi, di cui oggi naturalmente ne conserva il nome e la propria personalità.

Ferrara Castello Estense

Ferrara Castello Estense di Notte

Ferrara: il Castello Estense e la storia dei fantasmi dei due amanti

Il Castello estense conserva una triste storia d’amore accaduta nella Torre dei Leoni che vide protagonista la tragica fine di Ugo e Parisina. Nel 1418 fu celebrato il matrimonio di interesse tra Parisina Malatesta (15 anni) e Niccolò III d’Este (35 anni). Uno dei suoi figli avuto con un’altra moglie, Stella Tolomei, dal nome Ugo, di soli 14 anni, iniziò ad avere un duro rapporto di antipatia con la matrigna Parisina. Niccolò preoccupato per questi continui litigi ordinò, non senza fatica, alla propria moglie di farsi accompagnare da Ugo in una visita ai genitori a Loreto.

Accadde che l’odio si trasformò in amore appassionato che venne nascosto, ma apertamente non riuscirono più a dimostrare l’odio di un tempo. Niccolò contento del cambiamento non mancò di lasciarli spesso da soli, dato che ormai si sentiva tranquillo, anzi, in occasione dello scoppio della peste nel 1418, decise di proteggere i due ragazzini facendoli soggiornare in una villa di campagna.  Finalmente soli e i due amanti diedero sfogo alla loro passione.

Purtroppo, nonostante si tennero discreti, non sfuggirono agli occhi della servitù e le voci del tradimento giunsero ben presto al diretto interessato che, precipitandosi sul luogo, li sorprese in flagranza di reato. Furioso li fece imprigionare e condannare a morte. Vennero condotti nella cella della Torre dei Leoni per 12 ore.  I due amanti furono decapitati sullo stesso ceppo di legno. Ancora oggi si può sente il pianto dei loro fantasmi all’interno di quella cella insieme.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.