Museo del Tricolore a Reggio Emilia

La storia della nostra Bandiera

museo-tricoloreIl Museo del Tricolore di Reggio Emilia ha una storia molto lunga.
La sua storia inizia alla fine del XVIII secolo,quando venne affidata all’architetto Ludovico Bolognini la realizzazione di una sala destinata originariamente ad uso archivio e successivamente alle riunioni del Consiglio Generale.

Nel 1796 si decise che in quella sala si sarebbe svolto il Congresso Centumvirale e a questo scopo furono costruite le tribune nella sala, detta Sala Patriottica. Proprio qui, il 7 Gennaio 1797, nasce quella che sarà destinata a diventare il simbolo dell’indipendenza ed unità nazionale: Tricolore.

La collezione museale venne però avviata molto dopo per primo da Gaetano Chierici e poi fortemente arricchita da Naborre Campanini. A lanciare l’idea del Museo fu però lo storico Ugo Bellocchi a cui si deve nel 1966 la ricostruzione su basi documentarie del modello del primo Tricolore. Fu soltanto tra il 1985 e il 1987  che il museo trovò una prima collocazione in alcune sale adiacenti la Sala storica del Tricolore.
museo-tricolore-reggio-emiliaLe celebrazioni del Bicentenario del 1997 creano i presupposti per un rilancio e un nuovo allestimento che venne infatti inaugurato il 7 gennaio 2004 dal Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi.
I materiali museali sono affiancati oggi da strumenti multimediali che consentono di approfondire le tematiche legate al Tricolore nato a Reggio Emilia il 7 gennaio 1797.

Attualmente è visitabile una sezione nella quale sono esposti i documenti ed i cimeli relativi agli anni compresi tra il 1796 e il 1814 ed un’altra, la Sezione Risorgimentale che ha consentito di completare gli spazi espositivi del Museo del Tricolore con un ampio e nuovo spazioso salone.

Nel 2017, in occasione di una generale revisione dei percorsi e della definizione di un nuovo ingresso dedicato al Museo, è stata inaugurata una sezione dedicata alla contemporaneità che ha accolto, accanto a nuovi spazi laboratoriali, l’importante nucleo di opere del progetto Novanta artisti per una bandiera, voluto da Deanna Veroni per il sostegno dell’Ospedale della Mamma e del Bambino e donato dalla famiglia Storchi alla città.

Indirizzo e contatti:

Piazza Casotti 1,
42121 Reggio Emilia
T 0522/456477 – 456805
prenotazioni visite guidate
T 0522/456841
prenotazione obbligatoria per gruppi autonomi superiori alle 15 persone

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *