Adempimenti Burocratici gestione Pro Loco

Il Comitato Regionale U.n.p.l.i. ha creato un vademecum contenente tutti i compiti, le incombenze, le responsabilità, le convenzioni e le normative che è necessario conoscere per gestire una Pro Loco. Oltre a spiegare in maniera esauriente ogni singolo concetto, questo vademecum contiene tutti i fax simili dei moduli da usare in diverse occasioni. Invitiamo tutti coloro che fossero interessati a scaricare questo documento cliccando qui.

SIAE

Quando si organizza un evento in cui vengono riprodotti dei brani musicali è necessario rivolgersi alla SIAE per il versamento dei diritti d’autore. Le Pro Loco tesserate U.N.P.L.I. hanno diritto di usufruire dell’accordo U.N.P.L.I.-SIAE che disciplina le manifestazioni organizzate dalle Pro Loco. Per veder applicate le condizioni dell’accordo è necessario presentarsi all’ufficio SIAE di competenza con la tessera UNPLI per le Pro Loco.

HACCP

Le Pro Loco non sono obbligate ad avere il libretto sanitario dei propri addetti quando organizzano una somministrazione di alimenti e bevande. Questo non le salva dall’obbligo di dotarsi di pratiche che garantiscano una corretta prassi igienica. Le Pro Loco possono adempiere a quest’obbligo predisponendo un piano di autocontrollo che fissa le procedure da tenere nelle varie fasi di stoccaggio, lavorazione, somministrazione e detersione.

Sicurezza sugli ambienti di lavoro

D.LGS. 9 aprile 2008, N.81
Il D.lgs.81/08 è il “Testo Unico” sulle norme e sulla prevenzione degli infortuni nei luoghi di lavoro.
Interessa la Pro Loco e le altre strutture UNPLI se:

  • hanno lavoratori dipendenti regolarmente assunti con contratto di lavoro a tempo  indeterminato, part-time o a tempo determinato;
  • in Pro Loco operano lavoratori a progetto o che effettuano prestazioni occasionali;
  • in Pro Loco operano volontari del servizio civile;

se nella sede di lavoro (ufficio o altro) operano lavoratori autonomi (che operano, ad esempio, per l’allestimento di manifestazioni o eventi, per l’installazione di palchi, impianti per sagre, tendoni ecc.)

LOTTERIE

Quando si parla di lotterie si deve fare un po’ di chiarezza. La normativa prevede tre tipi di manifestazione di sorte locale:

  • lotterie
  • tombole
  • pesche di beneficenza

Le Pro Loco possono organizzare questo tipo di attività solo perché operano senza fini di lucro per far fronte ad eventuali esigenze finanziarie.

Nota bene: Per queste manifestazioni è necessario svolgere alcune formalità almeno 30 giorni prima.

MODELLO E.A.S.

Da quest’anno gli enti associativi sono obbligati a compilare il modello EAS e ad inviarlo all’Agenzia delle Entrate, solo ed esclusivamente in via telematica, entro il 31 dicembre 2009.

Le Pro Loco che hanno optato per il regime 398/91 (e quindi hanno sicuramente partita IVA) sono esentate! Come si fa a sapere se la nostra Pro Loco ha optato per questo regime? In genere si comunica che si assume questo regime all’Agenzia delle Entrate (quando si apre partita IVA) e alla SIAE. La SIAE dovrebbe essere in grado di comunicarvi se avete optato per questo regime controllando nella documentazione che conserva della vostra Pro Loco.

Le Pro Loco che hanno solo il codice fiscale, oppure che hanno anche la partita IVA e non hanno optato per il regime 398/91, sono obbligate a presentare il modello EAS!

Possono effettuare la comunicazione ridotta, compilando solo alcuni campi, solo ed esclusivamente se sono iscritte al registro delle Associazioni di Promozione Sociale. Quelle che invece ricadono sotto questa categoria e non sono Associazioni di Promozione Sociale devono presentare il modello in forma completa.
Scaricate il Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini fiscali da parte degli Enti Associativi. Bologna, 15 Dicembre 2011.