Sassi_di_Roccamalatina_Guiglia_Modena_Italia

Il balcone dell’Emilia

Guiglia, situata nella provincia di Modena, si trova in una posizione strategica. Sul punto più alto del paese si possono infatti scorgere da una parte la pianura sovrastata da Modena, e dall’altra invece si intravedono in penombra le Alpi, le cui vette altissime sbucano nel cielo. Questa sua posizione attribuisce a Guiglia la nomina di Balcone dell’Emilia.

Le origini del nome sono incerte; da Guilla, nonna di Matilde di Canossa, oppure dal latino Gens Aquilia, e anche se molto probabilmente le origini sono molto più antiche, il primo documento ufficiale risale al 890 d.C.

L’epoca medievale fu segnata da numerosi e sanguinosi scontri tra Guelfi e Ghibellini, finché il paese non fu assoggettato agli Estensi. Nel XVI secolo Guiglia, fu inoltre colpita da un devastante terremoto. Nel 1600 infine, fu ceduta alla nobile famiglia dei Montecuccoli, il cui stemma con un aquila sovrasta ancora l’arco monumentale, costruito nel 1710.

Nella parte alta dell’abitato, potete visitare il palazzo settecentesco, antica residenza estiva dei Montecuccoli. Nel parco di questa villa, è situato l’oratorio dell beata Vergine di San Luca, una copia in miniatura del santuario bolognese di San Luca, che oggi accoglie le tombe dei Montecuccoli.

Le escursioni che offre Guiglia nei suoi dintorni sono numerose. Guiglia è infatti uno dei punti di partenza principali per addentrarsi nel Parco Regionale Sassi di Rocca Malatina, che prende il nome da guglie arenacee di oltre 70 metri di altezza di 25 milioni di anni, formatesi nei canyon sottomarini. 14 sono gli itinerari, dai più semplici a quelli dedicati ai più temerari, ma offrono entrambe le opzioni paesaggi incantevoli, soprattutto nei periodi primaverili durante la fioritura di orchidee, anemoni, gigli e ciclamini. Da non perdere è il Borgo medievale di Samone, dove si trova il Museo delle Tigelle, un tipo di pane preparato in queste zone sin dal medioevo. Ogni famiglia infatti produceva le tigelle con particolari strumenti di terracotta a forma di dischi, e vi inserivano un particolare segno di riconoscimento, come le iniziali del proprio nome o immagini di portafortuna.

Dove dormire e dove mangiare a Guiglia?

  • B&B I Parioli, via Parioli 28, tel. 059.792146
  • Agriturismo Cassanello, via Castellibo 1768/1, TEL. 339.3331018
  • Albergo/Ristorante La Lanterna, P.zza j. Cantelli 8, tel. 059.792444
  • Albergo/Ristorante La Santina, via Monte 92, tel. 059.795855

Prodotti tipici

  • Borlengo (sottile sfoglia di pane, con cunza, condimento di lardo, rosmarino parmigiano e aglio).
  • Gnocco Fritto
  • Tortelli di ricotta e erbette
  • Crescentine
  • Castagne

Per Informazioni:
Pro Loco di Guiglia
Via Repubblica 34, 41052, Guiglia, MO
Telefono:  3398788329
E-Mail: info@prolocoguiglia.it

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *